Vai ai contenuti

PROGETTO MAYHEM

la democrazia è una forma di religione, è l'adorazione degli sciacalli da parte dei somari

Archivio

Tag: ue

Nicosia (Reuters)Cipro ha presentato richiesta di aiuto finanziario ai fondi Efsf/Esm dell’Unione europea. Lo ha reso noto il governo del Paese, che fa parte della zona euro, spiegando come la richiesta sia volta a proteggere il settore finanziario dall’esposizione alla Grecia.

“Il fine della richiesta di assistenza è di conterenre i rischi per l’economia cipriota, in particolare quelli sollevati dall’impatto negativo sul suo sistema finanziario, a fronte della sua ampia esposizione all’economia greca” si legge nella nota.

La barca fa acqua da tutte le parti.

dal Sole24Ore

Negli ultimi due anni la Grecia ha assunto invece di licenziare. Il governo di Atene, sull’orlo della bancarotta anche per le dissennate politiche di assunzione nel settore pubblico in tempi di allegra finanza e apparente benessere, avrebbe violato l’accordo con l’Unione europea e il Fondo monetario internazionale assumendo circa 70mila funzionari fra il 2010 e 2011, secondo un rapporto pubblicato oggi dalla rivista To Vima.

Il settimanale di centro-sinistra, vicino ai socialisti del Pasok, giudicato affidabile da chi conosce bene la società greca, cita una relazione della missione della Troika (Ue, Bce ed Fmi) e un analogo documento del ministro delle Finanze ad interim, George Zannias. continua…

Credeteci, banda di coglioni.

Il Times di Londra all’attacco: contributo di 230 mila euro ai pargoli di almeno 80 euroburocrati

Londra – Un fondo nero da oltre 230.000 euro per pagare le vacanze ai figli dei ricchi funzionari europei. Secondo il Times di Londra la prossima settimana i pargoli di almeno 80 euroburocrati passeranno una splendida settimana bianca sulle Alpi in gran parte pagata dai contribuenti del Vecchio Continente. Sarà solo la prima sessione di una vacanza annuale che comprende anche 4 campi estivi in famosi luoghi turisti continentali. La cifra stanziata è notevole: 234.000 euro. La notizia dell’ennesimo privilegio accordato ai principali funzionari che lavorano nell’Unione Europea ha scatenato l’indignazione e le proteste di alcuni europarlamentari e naturalmente della più “euroscettica” stampa britannica che ancora una volta si scaglia contro “la mangiatoia europea”. continua…